28 Marzo 2020

Bruxismo in bambini e adulti

bruxismo-bambini-adulti

Il bruxismo è un disturbo piuttosto frequente, che affligge circa una persona su quattro in Italia, e consiste nel serrare e/o digrignare i denti nel sonno (ma anche durante il giorno) involontariamente. Spesso chi ne soffre non si accorge di serrare i muscoli masticatori, ma le conseguenze sono ben visibili: ad esempio, può provocare usura dei denti e aumento della sensibilità. 

Il bruxismo tecnicamente viene definito come una “parafunzione”, cioè una funzione che – anche se guidata da meccanismi fisiologici – in realtà non ha un vero scopo. Il nome deriva dal greco “bruchein”, e significa appunto serrare o digrignare i denti. 

Sapevate che colpisce spesso anche i bambini? Vediamo insieme quali sono le cause e le conseguenze del bruxismo in bambini e adulti.

Il bruxismo nei bambini

Il bruxismo nei bambini è abbastanza comune: infatti interessa circa 3 bambini su 10, soprattutto sotto i sei anni di età. Anche se non è sempre facile determinare una sola causa, quella più comune sembrano essere i micro-risvegli, ovvero le piccole interruzioni improvvise del sonno. Questi micro-risvegli non sono insoliti nei bambini, e possono essere dovuti a molte patologie comuni. 

Nei più piccoli il bruxismo non provoca solitamente conseguenze importanti, anche se nelle forme più gravi può usurare i denti decidui (ovvero i denti da latte) e provocare dolore all’articolazione temporo-mandibolare. In genere comunque questo problema si risolve spontaneamente durante la crescita.

Bruxismo negli adulti

A differenza dei bambini, il bruxismo negli adulti ha conseguenze più serie. Anzitutto, dobbiamo distinguere tra bruxismo primario e secondario: il bruxismo primario compare in soggetti sani, mentre il bruxismo secondario si manifesta come in coloro che assumo dei farmaci per curare altre patologie. 

Oltre a digrignare i denti nel sonno, è possibile che questa parafunzione si attivi anche di giorno: è il caso del così detto bruxismo diurno, che – anche se meno comune – non è raro.

Le cause del bruxismo

Le cause del bruxismo non sono state ancora chiarite del tutto: in alcuni casi entrano in gioco fattori ereditari, mentre in altri il bruxismo è collegato a cause neurologiche o talvolta a problemi di malocclusione

Spesso il bruxismo viene diagnosticato in individui che soffrono di:

  • ansia
  • forte stress
  • difficoltà emotive
  • abuso di alcol
  • abuso di caffeina
  • abuso di droghe

Bruxismo: i sintomi più comuni

I sintomi del bruxismo sono piuttosto vari, e per questo potrebbero non essere legati esclusivamente a questa patologia. I primi segnali che accendono un campanello d’allarme sono i dolori alla mandibola, alle orecchie, al collo e alla testa al risveglio, oppure anche l’abrasione dei denti. A volte può essere il partner ad accorgersi che che gli/le dorme accanto soffre di bruxismo, accorgendosi che nel sonno digrigna i denti. 

Tuttavia, l’unico a poter fare una diagnosi certa è – naturalmente – il dentista, che valuterà l’usura dei denti e la sensibilità dei muscoli della mascella. In aggiunta, può anche richiedere una radiografia ortopanoramica per valutare la malocclusione, o il consulto di uno specialista per una polisonnografia.

Bite per il bruxismo e altre cure

Trattare il bruxismo è importante sia per salvaguardare la salute dei denti, sia per le conseguenze che esso può avere sulla qualità della vita. Il metodo più efficace per contrastare il bruxismo è sicuramente l’utilizzo di un bite: si tratta di mascherine di gomma morbida o di resina, simili a dei paradenti, che proteggono i denti dal serraggio e dal digrignamento

In commercio ne esistono di diversi tipi, ma il nostro consiglio naturalmente è di rivolgersi ad un dentista competente per una cura davvero efficace: infatti, dopo aver diagnosticato correttamente la patologia, potrà rilevare le impronte dentali e realizzare un bite in resina sottile e su misura

Nel caso in cui il bruxismo abbia già danneggiato i denti, sia naturali che non, potrebbero essere necessari anche degli interventi di ricostruzione per evitare che la progressiva perdita di smalto causi ipersensibilità.

Venite a parlarne in Studio

Se avvertite i sintomi indicati o sospettate di soffrire di bruxismo, potete passare a trovarci in Studio per una consulenza: una cura precisa e mirata potrà restituire la salute ai vostri denti e la serenità di riposare bene.

 

Resta aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutte le novità dei nostri prodotti e servizi.

Prenota la tua visita in tutta sicurezza, rispettiamo i protocolli anti-covid Prenota oggi stesso